LIVE NIRVANA INTERVIEW ARCHIVE November 19, 1991 - Roma, IT

Interviewer(s)
Giancarlo De Chirico
Interviewee(s)
Kurt Cobain
Krist Novoselic
Dave Grohl
Publisher Title Transcript
Video Music TBC Yes
TMC2 Nightfile-Monografie Inquiete Yes
Tuttifrutti Nirvana Yes

Interviewer: You combine hard rock with punk and underground attitude. Still, there is something more on your last record, can you explain what that is?

Kurt Cobain: [mouth agape]

Krist Novoselic: I think he said it all, really.

KC: Ouch, choppers! [holds jaw]

Interviewer: We all know “Nirvana” is a sort of spiritual enlightenment, by which you can get peace, happiness. How can all that coexist with the aggressive and metallic sound of your music?

Dave Grohl: I wouldn't call it “metallic.”

KN: Well, it can be aggressive… I mean, as long as you let go, you can just let go and enjoy it without distraction, you're having fun and getting the point of the music…

KC: Yeah.

Interviewer: How important has been the Sub Pop experience, together with bands like…

KC: “Mudhoney and Soundgarden.”

Interviewer: … Mudhoney and Soundgarden? Do you think that's a sort of starting point for a new rock scene?

KC: Yes, yes. Love that rock scene in Seattle. It's fine.

Interviewer: That's a new starting point for the next decade coming?

KC: Um…

DG: I think it's started a lot for this decade. I mean, if it wasn't for those- that whole scene, then you know, maybe we wouldn't have become so popular. Maybe the music in general wouldn't have become so accepted by people…

KC: The masses.

DG: … the masses.

Interviewer: The video you shot for Smells Like Teen Spirit is one of the best ones we've ever seen. It's a sort of crescendo, shared both by the audience and the band itself. Can you talk about its making?

KC: Oh… it was a day's shooting of the video, it took about 12 hours. We invited 200 of our friends down to the studio and they sat in bleachers and we had a good time. But there was a lot of smoke, this artificial smoke machine, and it got black stuff in our noses. We were picking black stuff out of our noses at night.

KN: Yeah, there was a lot of black stuff. But I think that the people who came down and did the video, they made the video what it is.

DG: If it wasn't for all our friends who pretty much destroyed the whole studio that we did it in, it wouldn't have been half as exciting.

KN: We give them credit.

Interviewer: On the cover of the Nevermind album, we can see a newborn baby swimming underwater, trying to catch one Buck. Is that related to the upbringing, the educational system we undergo?

KC: Sure.

DG: Everybody's grown to value the dollar bill. It's sort of… symbolises success.

KC: Capitalism.

KN: Like, that baby isn't a person, it's a consumer. You know, that's what they all say: “Consumers are spending less this holiday!”

DG: They're not human beings! They're not humans, they're consumers!

KN: That's an ugly word, “consumer,” “consume”…

Interviewer: The lyrics of your song are against the wrongs of the Western world society. People keep on saying “never mind,” you don't. What are the things that make your anger explode?

KC: Gluttony.

KN: Materialism.

DG: Wealth.

Interviewer: Your gig, it's only entertainment or it's something more?

DG: It's escapism from a 9-to-5 job.

KN: Basically- basically, it is entertainment. If you can find anything out of it, I mean, that's just your personal thing, you know? A lot of people come here just to bounce off other people, but the majority of people come here to enjoy the music. You know, it just depends what you're here for.

© Giancarlo De Chirico, 1991

Krist Novoselic: …because we're uncomfortable.

Kurt Cobain: I'm wet and cold! But my stomach is full! Good food! Good food! Ahhh…

KN: We're less desperate when we're in Italy because the food is so good.

Dave Grohl: Usually, we don't eat… we don't eat on tour. [To Cobain] Hey, cut it out, man!

KC: [Inaudible]

KN: It was a "miracolo."

DG: [Laughs] Payola!

KN: [In a Italian accent] Un Miracolo! It was a miracolo that it did that. We never expected it to, we don't know why it happened. It was, uh… can't really say… we never thought it was gonna happen, but it happened.

DG: What did we add? Oh, a little bit of sugar, a little bit of love…

KN: A teaspoon of love, a tablespoon of understanding…

KC: [Sings] "A spoonful of jizzum makes the medicine go down."

DG: And some marijuana. That's it.

KN: I'm glad to say that among us there's 6 testicles and, uh…

KC: One is enlarged.

KN: One is enlarged. [Laughs] Elephantitis of the testicles.

DG: A hippity hop, if you will.

KN: As long as you let go, you can just let go and enjoy it without distraction, you're having fun and getting the point of the music…

KC: Yeah.

Interviewer: That's OK?

KC: Mmm-hmm.

DG: Sure, yeah.

KC: That rock scene in Seattle. It's fine.

KC: Shooting of the video, it took about 12 hours. We invited 200 of our friends down to the studio and they sat in bleachers and we had a good time. But there was a lot of smoke, this artificial smoke machine, and it got black stuff in our noses. We were picking black stuff out of our noses at night.

KN: Yeah, there was a lot of black stuff. But I think that the people who came down and did the video, they made the video what it is.

DG: If it wasn't for all our friends who pretty much destroyed the whole studio that we did it in, it wouldn't have been half as exciting.

KN: We give them credit for the video.

DG: I dunno. I mean… it's fun… you know? Everybody wants to make a movie, you know? So, it's just sort of like making your own 3-minute movie for a song. I mean, you're given a budget to do it…

KN: But also, if you're on MTV for like 3 minutes… I mean, how much does Reebok pay for 30-second commerical on MTV? And we're on there for free for 3 minutes, you know?! So there's your free commercial right there!

KC: A free commercial, I never thought of it that way.

DG: Everybody's grown to value the dollar bill. It sort of… symbolises success.

KC: Capitalism.

KN: Like, that baby isn't a person, it's a consumer. You know, that's what they all say: "Consumers are spending less this holiday!"

DG: They're not human beings! They're not humans, they're consumers!

KN: That's an ugly word, "consumer," "consume," "consume"…

DG: This is too far, man! This is too far from the stage to the people. So we asked…

Interviewer: Did you complain about that?

DG: Yeah.

KN: Yeah, and the people were reasonable enough to consider what we had to say. We appreciate it.

DG: We appreciate the people who work here.

Interviewer: They're just trying to move it away from here.

KC: Yeah.

DG: It’s escapism from a 9-to-5 job.

KN: Basically- basically, it is entertainment. And if you can find anything out of it, I mean, that's just your personal thing, you know? A lot of people come here just to bounce off other people, but the majority of people come here to enjoy the music. You know, it just depends what you're here for.

KN: It's a very complicated question. You know, the implications of… Those people have been without for a long time and it seems like they're blinded by TV sets and cars right now, so… I don't know if I can answer that, really. There's so many implications, you know? And they're fleeing from Communism, but they're also fleeing from Totalitarianism, Dictatorship, and the Western governments conveniently overlook that fact.

KN: From the Indian side.

DG: There's no such thing. You can't call yourself American. You know, all of us are from… Kurt and I are German and Irish, Krist is Yugoslavian. There's no such thing as an American.

KC: The Americans are the Indians.

KN: That was genocide, what happened to the Indians.

DG: They're native Americans.

KN: There's trends involved, you know? If you have BP saying, "Go green, go BP!" - an oil company that promotes the belching of gas fumes into the atmosphere - they see that that's the attitude of people right now, environmentalism. But it can't go away, it's important that we exploit this. While it's a trend now, people might change their habits to accommodate the environment. So, I look upon it positively, you know, optimistically. If you're gonna go green, don't go BP! Go bicycle, you know?!

© Giancarlo De Chirico, 1991

Che cosa si nasconde dietro le note lancinanti delle vostre chitarre, che cosa c’è dentro le grida furiose che compongono le vostre canzoni? E quali sono le vostre radici musicali?

Dave: Il punk rock, non c’è dubbio. E’ quello il nostro punto di partenza, E’ li che risiede tutta l’energia di base che scorre poi nei brani dei nostri dischi.
Kurt: Abbiamo deciso di rivisitare il punk rock perché è un tipo di musica che consente la massima libertà espressiva. Suoni spontanei, nessuna necessità di chiudersi in formule o categorie. E’ per questo siamo riusciti a combinare insieme hard rock, heavy metal, spunti psichedelici e riffs chitarristici appartenenti all’era punk.
Chris: Ma non è stato il frutto di qualcosa di pensato, deciso a tavolino. No, quei brani sono venuti fuori naturalmente,come se fossero sempre stati lì. Puoi cogliere delle influenze – che so, dei Black Flag – ma ci sono anche atmosfere tipiche dei Black Sabbath, o melodie che potremmo definire pop, per esempio…

Spiegati meglio.

Chris: Non bisogna chiudere la propria mente verso altre cose, altre realtà musicali che poi scopri che ti appartengono comunque. Vedi, ci sono delle canzoni pop che odio, ma non riesco a togliermele dalla testa. Non so, “My Sharona” dei Knack, è un brano sfacciatamente commerciale,lo detesto, ma non posso negare che mi sia rimasto dentro, perché attecchisce subito su chi lo ascolta. La senti e non la dimentichi più.

Infatti su Nevermind, il vostro ultimo album,si colgono di tanto in tanto dei refrains talmente semplici da essere definibili pop…

Chris :Ed è proprio questa la nostra forza, abbiamo anche noi un ritornello,un assolo, una struttura standard che aiuta la gente a capire meglio il brano, che aiuta ad entrare nella chiave musicale della canzone che ascolta. E’ chiaro che però l’approccio è molto diverso..soprattutto dal vivo.

Scommetto che preferireste cominciare a suonare invece che perdere tempo con la stampa specializzata…

Dave: Beh, fuori piove, fa freddo, ed io non vedo l’ora di cominciare a scaldarmi un po’.
Chris: Sì’, è vero,abbiamo avuto la malaugurata idea di fare un giro per Roma in moto, ed adesso che ci vorrà del tempo prima che i nostri vestiti si asciughino. Se cominciassimo a suonare subito invece…”

No, ancora un momento,non penserete mica di cavarvela così! Volevo sapere cosa prova un gruppo come il vostro quando scopre che il suo ultimo disco è al quarto posto della classifica americana…

Chris: E’ stato un miraculo (testuale)! Un vero e proprio miraculo! E noi che non siamo mai stati particolarmente religiosi…

Kurt: Vedi,sta accadendo tutto cos’ velocemente che non riusciamo a renderci conto di niente. Sembra quasi che il nostro destino professionale si muova alla velocità della nostra musica!!! Eravamo già molto contenti del fatto di aver pubblicato un disco per una major, siamo consapevoli di avere ancora molto da fare per migliorare… e già ci chiedono cosa ne pensiamo del successo! Boh! Temo che finirò per non capirci più niente…

E’ noto che la parola Nirvana si riferisce ad uno stato di benessere assoluto, di illuminazione spirituale che, una volta raggiunto conferisce pace, calma e felicità. Ma cosa c’entra tutto questo, i vari richiami alla filosofia orientale e al Buddismo, con la vostra musica che si compone invece di sonorità aggressive, di grida laceranti, di un misto di rabbia e disperazione che non lascia poi effettivamente il tempo di pensare?

Kurt: Il segreto è tutto nell’essere capaci di lasciarsi andare. Riuscire a dimenticare se stesso e gettarsi oltre la propria fisicità. E attraverso la nostra musica, ce la facciamo. Buttiamo fuori tante tensioni,tante frustrazioni, e alla fine, scopriamo di esserci divertiti, di stare nuovamente bene, e soprattutto di avere fatto stare bene gli altri, il nostro pubblico, le persone che più ci interessano in questo momento.

Chris: S’, è proprio questo il nostro Nirvana. Significa liberarsi dall’ansia, dal dolore, dalla sofferenza…Anche se solo per due ore al giorno, ma funziona, te lo posso assicurare, e questo grazie alla nostra musica!

Avete chiesto voi di far rimuovere ogni divisione tra voi e il vostro pubblico sotto il palco? Siete contrari ad adottare ogni margine appena sufficiente di sicurezza?

Kurt: Non è per questo. E’ che spesso c’è troppa distanza tra i kids e la band,e questo frena la comunicazione, lo scambio. I nostri fans sono persone a posto,siamo fortunati. Non abbiamo nulla da temere dal nostro pubblico.

Il video che avete tratto da Smells Like Teen Spirit è fantastico. C’è una sorta di crescendo che coinvolge interamente sia voi che il pubblico in sala…

Kurt: Pensa che ci sono volute ben dodici ore per girarlo! Anzi,colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta tutti i nostri amici che si sono prestati alla realizzazione del video. Eravamo circa duecento ed è vero, abbiamo interagito benissimo! Eravamo tutti eccitati ed entusiasti, malgrado tutto quel fumo artificiale che ci tappava il naso e ci impediva di respirare.

Sulla copertina di Nevermind è raffigurato un neonato che nuota sott’acqua, intenzionato ad afferrare un biglietto da un dollaro che passa dalle sue parti. Sembra un atto di accusa contro la società americana, contro l’educazione a cui si viene sottoposti a scuola, in famiglia…

Chris: Sì, è un’osservazione corretta. Quel bambino non è un essere umano, è un consumatore. D’altra parte tutto quello che ci insegnano,da quando veniamo al mondo, è apprezzare il valore del dollaro. Nient’altro. Non dovremmo poi sorprenderci più di tanto se si arriva a momenti di estrema avidità , di possesso, e se esistono tanti Yuppies…

Dave: Siamo tutti colpevoli di questa situazione. Anche noi. Non ci teniamo fuori da tutto questo. Chi può sinceramente dire di non provare emozione nello “shopping”? Ci piace! Ammettiamolo! Non sappiamo fare altro!

Kurt: E la cosa peggiore consiste nel fatto che adesso anche i cittadini dell’Europa Orientale, degli Stati ex comunisti, sono contagiati da questa specie di epidemia… Devono aver frainteso. Credono che aver conquistato la libertà significhi poter acquistare automobili nuove, televisori a colori…

Chris: Sì, anche loro sono come accecati dal consumismo, e siamo stati noi occidentali a dargli il cattivo esempio.

Quali sono gli elementi negativi interni alla società americana che hanno originato la vostra rabbia?

Chris: La stupidità.
Kurt: La ricchezza.
Dave: Il materialismo.

Nonostante questo,state avendo un grande successo proprio negli Stati Uniti. E’ chiaro che il vostro è un pubblico diverso,comunque non vi sentite per caso ingrati verso il vostro Paese?

Chris: Ma noi non siamo mica americani! Siamo figli di un genocidio che è stato perpetrato ai danni dei nativi pellirosse tanti anni fa. Abbiamo ereditato tutto questo, ma non siamo talmente stupidi da accettarlo.

© Giancarlo De Chirico, 1992